Tavolo migranti in Prefettura a Potenza. Pochi sindaci presenti chiedono regole certe

Dodici su quarantasette. E’ questa la riposta data dai comuni convocati presso la Prefettura di Potenza per il tanto atteso tavolo con istituzioni ed altri attori coinvolti nell’accoglienza e gestione dei migranti richiedenti asilo sul territorio.

La chiamata è stata inoltrata a quanti fanno i conti con uno o più centri d’accoglienza, SPRAR, o perché superiori a 4 mila abitanti. Questione che ha visto da un lato la Regione Basilicata ampiamente favorevole all’arrivo con distribuzione delle persone, dall’altro le criticità rilevate nei centri dai sindaci, in prima linea per rassicurare i propri residenti. Esempio emblematico a Chiaromonte.

Nei prossimi giorni, si giungerà ad un nuovo bando di durata biennale per ottimizzare la rete d’accoglienza. “Fino a mille abitanti, non più di 20 persone, secondo una razionale alternanza tra i comuni – ha sottolineato il coordinatore della Task Force migranti regionale, Simonetti.” In totale sono circa 2.700 i richiedenti asilo sul territorio lucano, più di 600 solo a Potenza. Sugli incentivi: al capoluogo regionale, ad esempio, saranno destinati circa 300 mila euro, ovvero 500 euro ad immigrato, con finalità di lavori non retribuiti in pubblica utilità.

Share Button