Migranti. Le precisazioni del Vescovo di Matera sull’appello di ospitarli in case sfitte

don Antonio Giuseppe Caiazzo - il nuovo vescovo della Diocesi Matera - Irsina

don Antonio Giuseppe Caiazzo – il vescovo della Diocesi Matera – Irsina

“Ho scritto ai preti, ai diaconi, ai religiosi e alle religiose e al popolo Santo di Dio e tutto questo l’ho fatto subito dopo aver messo a disposizione i locali del Santuario della Palomba, chiedendo la disponibilità della Parrocchia di San Rocco a Matera, tramite Don Angelo, e non prima ovviamente di aver chiesto il parere alla Prefettura”. A dirlo, è Don Pino Caiazzo Vescovo dell’arcidiocesi di Matera Irsina – rispondendo a coloro – ha sottolineato – che – “nelle scorse ore – anche tramite testate nazionali, di cui non faccio il nome – hanno mal interpretato e non colto le mie parole dicendo cose che non stanno né in cielo né in terra, ossia che io mi sia rivolto agli italiani chiedendo di dare ai migranti le loro case. Ho chiesto, invece, che ci fosse questa disponibilità di trovare nelle diverse parrocchie anche degli appartamenti che noi potremmo prendere in considerazione. Noi come Vescovi – ha sottolineato ancora Monsignor Pino Caiazzo – abbiamo da subito messo a disposizione per ospitare circa 300 migranti, per esempio – il Seminario di Potenza; una struttura dove c’è tutto non manca niente per accogliere questi nostri fratelli”.

 

Share Button