Migranti. Presentato a Matera il progetto “We are the People”

Dopo tre anni dalla strage di migranti avvenuta a largo dell’Isola dei Conigli vicino le coste di Lampedusa, ricorre oggi la Giornata nazionale delle vittime dell’immigrazione.

Nella notte tra il 2 e il 3 ottobre 2013 affondò una nave gremita di persone, provocandone la morte di 366. La Basilicata non solo ricorda loro e tutte le altre che hanno perso la vita in circostanze analoghe, ma prova a fare di più.

Diventare regione laboratorio, modello per il mondo intero nella costruzione di un progetto di sviluppo economico e territoriale a favore dei migranti e dei residenti lucani.

Il presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella ha raccolto l’appello del magnate egiziano Naguib Sawiris , presidente del gruppo di telecomunicazioni Orascom che con Rawia Mansour, attivista ambientale, darà vita al progetto “We are the People”, partendo dalla considerazione che le persone siano risorse ed opportunità.

L’obiettivo è dunque costruire un modello sociale ed economico innovativi con l’individuazione di un gruppo di esperti, dar vita alla fondazione We are the People, aprire una negozazione con i Governi dei Paesi di provenienza dei migranti, sottoscrivere una carta dei valori per il rispetto dei diritti umani, promuovendo l’uguaglianza di genere.

Share Button