Borgo La Martella, fedda rossa e crapiata: trionfano le tradizioni

La crapiata

La crapiata

Matera. Nel borgo La Martella due giorni dedicati ai sapori della tradizione. Ieri la regina indiscussa è stata la Fedda Rossa,piatto povero ma che rende ricca di genuinità e sapore la gastronomia materana, la “bruschetta”, più elegantemente detta, con pane abbrustolito, pomodoro, olio, origano e aglio grattato. Gli instancabili volontari dell’associazione La Martella Onlus, presieduta da Flores Montemurro, si sono adoperati per offrire alla comunità, turisti e buongustai, un buon piatto di fedda rossa accompagnato da un bicchiere di vino.

Testimonail della buona tavola,dunque, la fedda rossa, insieme alla crapiata che sarà celebrata oggi sempre a La Martella con un programma di eventi e appuntamenti di promozione che vedono in prima linea il Dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata, grazie anche al coinvolgimento di Slow Food e al riconfermato gemellaggio con la “strazzata” di Avigliano.
Due serate di allegria e bontà , accompagnate da diversi momenti di animazione e spettacolo, come il musical proposto dall’associazione Genitori h24 ed il concerto , in linea con la tradizione antica, della Ragnatel Folk Band

 

____

Alla riscoperta dei luoghi caratteristici del borgo La Martella, esperimento urbanistico della Fondazione Adriano Olivetti. In occasione delle sagre della fedda rossa e de la crapiata, l’associazione La Martella Onlus in collaborazione con altri sodalizi e con l’ordine degli architetti ha organizzato una visita guidata che termine nella “Casa La Martella”, in via Isonzo; arredi originali della casa contadina degli anni Cinquanta, ma anche laboratori su pasta, ricamo , cucito e dei giochi di strada per apprezzare al meglio il volto più autentico del borgo.

Share Button