MadeinTaranto: arriva My friend, la Family card per i malati oncologici

imageNella “terra dei fuochi”, pur di non nominarlo, lo chiamano “‘a malattia”. È il cancro. Fa paura anche solo a dirlo. Ma è il momento di parlarne più apertamente. Ed è ora di agire, concretamente, andando incontro alle famiglie degli ammalati oncologici e ai pazienti stessi. Nasce così la la Family Card My Friend. Una idea MadeinTaranto, sostenuta da Ant, Unicef, Bcc, Camera di Commercio di Taranto e Se dico Taranto.

“Ben venga la solidarietà”, afferma il Presidente della Cciaa Luigi Sportelli creando con gli altri presenti una catena umana, in segno della rete che si intende creare attorno ai malati. Costretti oggi ad andar fuori per curarsi. Ma solo “chi può permetterselo”, sottolinea Mario Tagarelli di MadeinTaranto: “Non possiamo restare indifferenti. Sarà l’Ant – spiega – per questioni di riservatezza, trattandosi di dati sensibili, a distribuire le Card”.

Unanime l’appello al Comune. Serve più collaborazione e, soprattutto, più concretezza. Taranto vive un’emergenza sanitaria. “Certo, non è l’unica città – conclude Tagarelli – non possiamo però nascondere o trascurare il problema. Come una grande onda per un surfista, così il cancro è una sfida che, insieme, possiamo affrontare”.

Share Button