Fascino e meraviglia per cittadini e turisti che visitano la Cattedrale

Altare Maggiore Cattedrale di Matera

Altare Maggiore Cattedrale di Matera

Matera. Dopo tanta attesa, la grande bellezza è tornata a svelarsi.  Stupore e meraviglia per coloro che hanno varcato l’ingresso della Cattedrale di Matera, riaperta dopo dieci anni. Il tempio della sacralità per eccellenza, unico e prezioso, è tornato alla luce regalando emozioni e stupore ai visitatori. Anziani, giovani, famiglie, turisti e bambini entrati per la prima volta, stanno visitando la basilica che apre pagine di storia, arte e architettura. Sguardi attenti che scrutano ogni dettaglio del restauro, affascinati in particolare dalle scoperte dei resti di due cappelle preesistenti che conservano importanti testimonianze di decorazione a fresco, lì dove è allestito il presepe di Altobello Persio.

Un evento storico in cui viene restituito alla città uno dei luoghi più cari ai materani, dedicato alla Madonna della Bruna, e che non a caso potrà essere finalmente vissuto anche nel giorno della celebrazione della Santa Patrona, il 2 luglio.

Anche domani dalle 9:00 alle 19:00 l’ingresso ai visitatori.

Poi sabato 5 marzo l’apertura ufficiale al culto, con la dedicazione dell’altare e con il Segretario di Stato Vaticano, cardinale Pietro Parolin, che aprirà la Porta dell’Anno Santo della Misericordia.

Un evento che sarà seguito in diretta da Trm Network.

Share Button