Il Tar del Lazio ha respinto i ricorsi pugliesi contro il gasdotto Tap

E’ confermato il decreto con il quale il ministero dell’Ambiente ha rilasciato la Valutazione di Impatto Ambientale (Via) sul progetto di realizzazione del gasdotto denominato “Trans Adriatic Pipeline – Tap”.

TAR LazioL’ha deciso il Tar del Lazio con due sentenze con le quali ha respinto i ricorsi proposti dal comune di Melendugno (Lecce) e dalla regione Puglia.

La vicenda aveva ad oggetto la procedura autorizzativa riguardante il progetto di realizzazione del gasdotto Tap, finalizzato al trasporto di gas naturale transfontaliero verso il territorio nazionale (con approdo in Puglia, nel Comune di Melendugno, nella porzione di costa compresa tra San Foca e Torre Specchia Ruggeri) e l’Europa occidentale.

In particolare è previsto che il gasdotto trasporti gas naturale dall’Azerbaijan verso l’Italia, passando per la Grecia e l’Albania attraverso il Mar Adriatico. Per il Tar “il progetto Tap è stato sottoposto ad un’approfondita valutazione dell’impatto ambientale – si legge nella sentenza – che si è conclusa in senso favorevole dopo un esame che ha riguardato anche una serie di tracciati alternativi”; e “non possono essere condivise” le ulteriori censure tra l’altro “sull’irragionevolezza della valutazione di impatto ambientale e sull’incompatibilità della scelta localizzativa prescelta”, giacché è stata operata “un’approfondita valutazione” valutato “un contemperamento tra interessi pubblici, tutti di rilievo, arrivando ad escludere la possibilità di non realizzare l’intervento”.

Share Button