Vertenza Datacontact: nessuna certezza sui volumi per il secondo e terzo mese di proroga

Vertenza DatacontactMATERA. Vertenza Datacontact. “Allo stato attuale non è dato conoscere i volumi per il secondo e terzo mese di proroga contrattuale pur in presenza di indicazioni informali di riduzione degli stessi”. E’ quanto precisa l’azienda materana in una nota ufficiale, in riferimento alle notizie diffuse sul contenuto della proroga sottoscritta nella giornata di ieri dalle società Telecom Italia SpA e Datacontact srl. E’ doveroso sottolineare, infatti, che il contenuto dell’accordo prevede l’estensione del contratto con scadenza al 31 dicembre e fino al 31 marzo 2016, ma senza nessuna specifica relativa ai volumi previsti nel trimestre è contenuta nel testo di proroga e allo stato attuale sono stati comunicati, con le solite formalità di trasferimento di tali informazioni, i soli volumi previsti per il mese di Gennaio 2016. Nello specifico sono stati comunicati volumi di contatti inbound pari a

quelli attesi e volumi di attività outbound nettamente inferiori rispetto a quelli abitualmente gestiti. Nonostante questa importante riduzione e con l’obiettivo di garantire stabilità e serenità a tutti i lavoratori attualmente impiegati sulla commessa Telecom Italia, la società Datacontact ha provveduto a confermare i contratti di lavoro di tutti i collaboratori, anche quelli dedicati ad attività outbound, senza esclusione alcuna.

Resta quindi l’incognita sul futuro come sottolineano i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Summa, Falotico e Vaccaro. Non accetteremo – scrivono – ridimensionamenti né di volumi né di occupati in una realtà che ha già versato un tributo pesante alla crisi economica. L’auspicio è che, con la convergenza di tutti i soggetti istituzionali, datoriali e sociali coinvolti nella vertenza, si possa trovare rapidamente un’intesa che vada nell’interesse dei lavoratori e di un territorio che merita nuovi investimenti e non disimpegni”.

Share Button