Da Potenza: anno scolastico al via, sogni e speranze in Basilicata

Campanella - Primo Giorno di ScuolaSogni e speranze dei cittadini del domani. Sogni e speranze anche dei loro docenti. La scuola lucana riattiva i motori e per l’anno 2015/2016 vedrà tra i banchi di ogni ordine e grado 82.555 alunni. Una platea di capitale umano che il presidente lucano Marcello Pittella, nel suo messaggio augurale, ha volutamente esaltato con auspicio di crescita coscienziosa e sana.

Secondo i dati forniti dall’Ufficio Scolastico, la sveglia è suonata per 52.568 iscritti in Provincia di Potenza e 29.987 in quella di Matera. In particolare, nelle scuole dell’infanzia gli iscritti sono complessivamente 11.712 sparsi in 574 sezioni: 7.260 nel potentino e 4.452 nel materano.

Nel capoluogo di regione, il primo giorno ha registrato come degli anni scorsi la classica ondata di traffico in entrata proveniente dalla provincia, con auto e bus extraurbani diretti verso i principali istituti. Disagi sopratutto nei pressi del passaggio ferroviario in Via del Gallitello, dove proseguono i lavori per completare il Nodo Complesso, che dovrebbero terminare secondo cronoprogramma entro novembre con possibile apertura al transito nel mese di gennaio.

Dinanzi ai plessi superiori, le ansie degli studenti vanno all’incertezza verso il futuro professionale, con preferenza agli indirizzi liceali, ma anche a temi annosi della vita scolastica.

A tenere banco, le criticità della riforma governativa “Buon Scuola” e la sicurezza degli edifici, evidenziata con una nota dalla Rete degli Studenti Medi, in mobilitazione il prossimo 9 ottobre. Anche a Potenza, come nel resto d’Italia, tra gli insegnanti serpeggiano timori: l’incognita va al processo delle immissioni in ruolo e potenziamento in corso delle docenze. Sospiro di sollievo a parte, anche chi non è stato costretto ad emigrare, solleva tutte le incertezze della riforma.

Share Button