Vertenze Firema e Ferrosud. Incontro in Regione.

la ferrosud zona iesce fra matera e santeramoDue vertenze lucane ieri all’attenzione del governo regionale. Nel corso dei tavoli, che si sono tenuti presso il Dipartimento Attività Produttive, si è discusso infatti della situazione dello stabilimento lucano della Firema S.p.a. e della Ferrosud S.p.a., entrambe società che si occupano di produzione di materiale rotabile ferroviario, ed entrambe aziende a rischio.

La Firema, che in Basilicata ha sede a Tito Scalo e da’ lavoro a 120 persone, è in amministrazione controllata da oltre quattro anni, ma sarebbe in itinere il negoziato per l’acquisizione degli stabilimenti italiani da partr di una cordata composta da quattro aziende. I sindacati rispetto allo stabilimento lucano da tempo esprimono incertezze sul piano industriale in evoluzione che presenterebbe molte incognite legate alle previsioni di mercato.

Altra vertenza è quella della Ferrosud, con sede a Matera e 130 occupati. “L’assessore Liberali – ha fatto sapere in un comunicato la Fim Cisl – ha chiesto due settimane di tempo per verificare al Ministero dello sviluppo economico lo stato della vertenza (da mesi arenata) intravedendo le giuste condizioni per una rapida risoluzione.” Per i sindacati è positivo che la Regione, tramite l’assessore Liberali, sia parte attiva per condurre in porto una vertenza che si trascina da troppo tempo.

“Sul futuro dello stabilimento materano – hanno ricoradato i sindacati – pesa ancora la mancata chiusura della procedura di concordato preventivo che impedisce alla Ferrosud la piena ripresa produttiva e il riassorbimento della manodopera ancora in cassa integrazione”.

Share Button