Melfi vuole diventare una Smart Energy City

Se ne parla domani nel primo Open Day del progetto Remida

Eusew 2014MELFI – Sarà l’aula Consiliare del Comune di Melfi ad ospitare, domani, venerdì 20 giugno, dalle ore 9.30, il primo Open Day del progetto europeo REMIDA (smaRt Energy chains and coMmunIties In the meD Area – Comunità e Filiere energetiche intelligenti nell’area MED), finanziato dal Programma di Cooperazione Transnazionale MED, che intende sperimentare nuovi schemi di partenariato fra gli enti pubblici, i privati e i cittadini per promuovere le energie rinnovabili, l’efficienza energetica e favorire lo sviluppo di comunità e filiere energetiche “intelligenti”.

Temi strettamente legati alla mitigazione dei cambiamenti climatici, tanto che la Commissione Europea, nel 2013, attraverso il Libro Verde, ha avviato una consultazione pubblica intorno alle principali questioni e esigenze riguardanti le politiche dell’UE sui cambiamenti climatici e l’energia da oggi al 2030, ponendosi l’obiettivo di una riduzione delle emissioni di carbonio del 40% ed una produzione di almeno il 30% dell’energia totale dalle fonti rinnovabili.

L’Open Day è organizzato dalla Provincia di Potenza che, forte di una vasta esperienza nel settore maturata sia in ambito locale che europeo, attraverso REMIDA (di cui è partner) sperimenterà nuovi modelli di sostenibilità per incentivare modelli virtuosi di risparmio energetico e di utilizzo di fonti rinnovabili. La location di Melfi non è casuale, dal momento in cui che si è registrata una forte convergenza di intenti tra a Provincia e l’Amministrazione Municipale della città normanna, che attraverso il proprio PAES (Piano di Azione per l’Energia Sostenibile) ha già tratteggiato le linee guida rispetto al raggiungimento di uno sviluppo sostenibile del sistema urbano, attraverso un diversificato utilizzo delle tecnologie esistenti ed il coinvolgimento attivo della popolazione locale.

L’Open Day, dal titolo “Soluzioni energetiche per comunità locali Smart – Incremento della consapevolezza cittadina”, rappresenterà dunque un ulteriore momento di confronto con le comunità locali per lo sviluppo di approfondimenti sul tema della sostenibilità energetica “praticata” attraverso strumenti ordinari del governo del territorio (PSP, piani comunali) nonché attraverso strumenti frutto dell’applicazione del Patto dei Sindaci a scala locale (il già citato PAES).

L’iniziativa è stata inserita nella campagna Eusew 2014, la Settimana europea dell’energia sostenibile, giunta alla sua terza edizione.