Adozioni e Colpo di Stato: anche una famiglia materana bloccata in Congo

Foto fonte www.giornaledellumbria.it

Foto fonte www.giornaledellumbria.it

Matera. Prigionieri prima della burocrazia e poi del tentato Colpo di Stato. In Congo, dall’ottobre scorso, ci sono anche i coniugi materani Nino Ventura e Stefania Cafaro, con le due bambine ricevute in adozione, insieme ad altre 23 famiglie italiane bloccate nel paese africano. Ieri è stata una giornata di follia e terrore. La mattinata si è aperta con una violenta sparatoria all’aeroporto internazionale di Kinshasa e in un campo militare. Assaltata anche la sede della tv pubblica. Dopo alcune ore fonti ufficiali congolesi hanno reso noto che quaranta ribelli sono rimasti uccisi. E subito si è diffuso il panico. In seguito ai combattimenti l’aeroporto è stato chiuso mentre i genitori italiani hanno rivolto un drammatico appello alle autorità italiane per poter tornare in patria con i loro piccoli. La situazione oggi è di un apparente ritorno alla normalità, ma la Farnesina ha raccomandato alle famiglie di restare chiusi in orfanotrofio con i bambini. L’Ambasciata, invece, ha consigliato, vista la delicata vicenda, di non rilasciare dichiarazioni alla stampa.

A sentire quotidianamente la famiglia Ventura, il consigliere comunale Antonio Sansone. “Sono scoraggiati e preoccupati – ha dichiarato ai nostri microfoni – perché la situazione è in una fase di stallo, se non peggiorata; le ventiquattro famiglie, a livello diplomatico, sono trattate alla stessa maniera. I Ventura tengono a precisare che loro, insieme ad altre nove coppie, hanno il Visto pronto, rilasciato dalla Dgm ( Direzione Generale di Migrazione), ma la loro pratica è bloccata insieme ad altre che presentano, invece, delle irregolarità. Papà Nino e mamma Stefania, chiedono, dunque, di valutare caso per caso affinché emerga la correttezza della loro posizione”.

L’amministrazione comunale di Matera, dopo l’approvazione di un apposito ordine del giorno, ha espresso solidarietà e vicinanza a tutti gli italiani coinvolti auspicando una celere risoluzione della vicenda.

Alla famiglia Ventura che sicuramente sognava un Natale ed un Capodanno circondata dal calore e dall’affetto di parenti e amici insieme alle due bambine, i nostri migliori auguri per un rapido rientro a casa.

Share Button