“Coscienze Inquiete”: Primo incontro in memoria di Don Pino Puglisi

Primo incontro di "Coscienze Inquiete" al Rione Cocuzzo di Potenza

Primo incontro di “Coscienze Inquiete” al Rione Cocuzzo di Potenza

POTENZA – Porre l’accento sui grandi personaggi, in primis della società civile e poi della Chiesa, che “hanno saputo turbare la quiete di tanti e risvegliato coscienze”. E’ il messaggio lanciato da Don Marcello Cozzi dell’Associazione Libera Basilicata per aprire la serie d’incontri itineranti organizzati dal Cestrim ed intitolati “Coscienze inquiete”.

Venerdì 8 novembre, presso la Parrocchia Maria SS Immacolata di Rione Cocuzzo a Potenza, lo spazio è stato dedicato al Beato Don Pino Puglisi, ucciso da Cosa Nostra la sera del 15 settembre 1993, giorno del suo 56esimo compleanno, dinanzi la Chiesa di San Gaetano e Maria SS. Del Divino Amore nel quartiere Brancaccio di Palermo. Proprio in quell’area del capoluogo siciliano così martoriata dall’illegalità, dove Puglisi aveva operato con la fondazione nel 91’ del Centro Padre Nostro, punto di riferimento delle attività al fianco di situazioni di disagio sociale, economico e culturale.

La testimonianza viva di Don Puglisi è stata trasferita al pubblico grazie alla presenza di Suor Carolina Iavazzo, stretta collaboratrice, e di Gregorio Porcaro, suo vice parroco. Due interventi per sottolineare la straordinaria capacità di un uomo vicino ai più deboli, dispensando sorrisi e verbo del Vangelo, salutati da Don Donato Lauria e monsignor Agostino Superbo.

“Coscienze Inquiete” proseguirà i suoi appuntamenti da marzo 2014 ospitando altre personalità: Don Lorenzo Milani, padre Davide Turoldo e Don Tonino Bello.

Share Button