Prosegue l’iter del PUM di Matera

Piazza della Visitazione (Matera)

Piazza della Visitazione (Matera)

Era il 30 Luglio del 2010 quando si gettavano le premesse, a Matera, per la definizione del nuovo piano urbano della mobilità della città dei Sassi; a Palazzo Lanfranchi, l’ingegnere Tito Berti Nulli della società perugina Sintagma, su incarico del Comune di Matera, sciorinava i primi dati, che avrebbero portato alla definizione di questo nuovo piano volto ad una migliore fruizione degli spazi comuni, decongestionando, in buona sostanza, il traffico automobilistico a favore di quella pedonabile o ciclabile. Via Dante Alighieri 1100 veicoli, ad ora, per senso di marcia, via Lucana 800 veicoli, ad ora, per senso di marcia, 15000 ingressi giornalieri esterni, 6272 parcheggi.

Questi i numeri del primo incontro, su cui pare si sia lavorato in questi anni per pensare ad una migliore fruizione della mobilità. Ieri, la Commissione consiliare, ha voluto prendere in considerazione anche le osservazioni inviate dai cittadini ed ha inviato tutta la documentazione al prof. Tito Bertinulli. Dubbi e perplessità sono state espresse, per esempio, dalla comunità in merito all’opportunità di integrare il trasporto pubblico cittadino su ferro con quello su gomma, contrarietà quindi all’aumento delle fermate della metropolitana; contrarietà dei cittadini sono giunte anche sull’installazione degli ascensori nei sassi; – avversioni inoltre rispetto alla realizzazione di qualche rotatoria in più, come quelle immaginate in via aldo moro e in piazza della visitazione.

Tra le altre proposte che arriveranno nella mani della società Sintagma direttamente dall’assessorato alla viabilità: il trasferimento della sosta dalla strada in strutture dedicate e individuazione di una quota di parcheggi superficiali riservati, arretramento della “sosta lunga” in parcheggi esterni gratuiti e in scambio con il nuovo sistema metropolitano, l’individuazione di nuove strutture per la sosta operativa e a domanda breve, il dirottamento della sosta turistica (auto, bus e camper) in aree dedicate, l’individuazione di parcheggi di scambio per i grandi eventi, nuove politiche tariffarie che prevedano abbonamenti a prezzo concordato nei parcheggi in struttura e in superficie”.
Il prossimo passo sarà la discussione in Consiglio comunale per arrivare nel più breve tempo possibile, si spera, all’approvazione del documento.

Share Button