Tribunale di Pisticci in vita sino a settembre 2013

Tribunale di PisticciIl tribunale di Pisticci continuerà ad esistere; rimarrà in vita almeno fino al prossimo 13 settembre 2013, ossia, quando, stando ai dettati della nuova normativa, verrà definitivamente soppresso.

A deciderlo è stato giorni fa il Tar di Basilicata il quale, accogliendo un ricorso presentato del Comune lucano, ha ritenuto immotivata la decisione del tribunale di Matera di trasferire anticipatamente, ossia prima del tempo imposto per legge, gli affari civili nella struttura della città dei Sassi.

Vito Di Trani, Sindaco del Comune della Valbasento – ha fatto sapere, telefonicamente, ieri 3 Gennaio – che l’amministrazione pisticcese, non solo ha portato avanti con vigore questa battaglia, ma ha anche provveduto nel contempo ad assumere in forza alla sede distaccata della struttura giudiziaria materana, altre due persone della categoria D, le quali si andranno ad aggiungere alle due già presenti. Sempre il primo cittadino Vito Di Trani ha comunicato di aver previsto nelle poste di bilancio del Palazzo di città la presenza di un Giudice di pace.

E’ un provvedimento, quello della soppressione dei tribunali, che proprio non va giù all’amministrazione Pisticcese, sopratutto in ragione del fatto che in questa vicenda – sottolinea il Sindaco – si giustificherebbe e avvallerebbe uno sperpero di denaro pubblico: ossia quel milione di euro speso dall’ente comunale per la costruzione della nuova sede.

Una vicenda, sottolinea ancora il primo cittadino che fa riflettere specie se contestualizzata in tempi come questi di spending review, di rigore e di austerity. Insomma, ancora qualche mese di vita per la struttura, grazie alla caparbietà del Comune di alcuni avvocati pisticcesi e dell’oua: l’organismo unitario dell’avvocatura.

“Ora – continua Di Trani – la speranza è che i prossimi Parlamentari lucani si ricordino di mettere al centro della loro agenda politica il discorso Basilicata; per la particolare orografia del nostro territorio, la soppressione del tribunali lucani, conclude è un provvedimento che si abbatte sopratutto sulla povera gente che non saprà come raggiungere le varie sedi dei vari tribunali.

Share Button