Don Uva: Fenasp, soluzione diventi opportunità per riordino sistema riabilitazione

FenaspIn questo Natale e in questo periodo di festività il nostro pensiero è rivolto agli operatori e agli utenti del Don Uva che hanno diritto, al pari dei dipendenti e degli utenti delle nostre strutture di riabilitazione-fisioterapia, al salario, al futuro lavorativo, e alla qualità dei servizi-prestazioni erogati. Lo sostiene la Fenasp Basilicata. L’attenzione della federazione, si legge in un comunicato, continua a rimanere alta, per individuare una soluzione definitiva ai problemi gestionali del Don Uva, rivolgendosi in particolare agli anziani, ai malati cronici e affetti da gravi patologie, che si rivolgono al Centro del capoluogo. Ma il problema della tutela dell’occupazione, si legge ancora, non riguarda solo il Don Uva ma anche i centri F K T, fisiokinesiterapia, attorno ai quali gravitano risorse umane altamente spexcializzate, al servizio dell’intera utenza lucana ed extra regionale, grazie alla professionalità acquisita negli anni. Su questi aspetti, fa notare con amarezza la Fenasp, malgrado i tentativi profusi, i sindacati confederali non sembrano però mostrare la stessa sensibilità. La vicenda, nella sua interezza, sottolinea ancora la federazione, può rappresentare una opportunità da non sprecare, per chiarire ruoli e funzioni delle strutture esistenti ed operanti da tempo sul territorio. Si potrebbe così lavorare ad un nuovo modello organizzativo, moderno ed efficace, in grado di mettere al centro del sistema il cittadino ed i suoi bisogni, per produrre economia e qualità, oltre a consentire alle organizzazioni delle strutture sanitarie private accreditate di dare un proprio contributo di idee e proposte, anche e direttamente al problema Don Uva.

Share Button