RFI assicura contratto per collegamento Ferrosud.

Matera – Sarà firmato entro dicembre 2012 il nuovo contratto d’utilizzo, scaduto da tempo, tra Rete Ferrovie Italia, Ferrosud spa di Matera e Consorzio per lo sviluppo industriale della provincia di Matera per la fruizione del tronco ferroviario che collega lo stabilimento a Casal Sabini di Gioia del Colle (Bari) alla rete nazionale ferroviaria. E’ quanto è emerso, a Bari, nel corso di un incontro a cui hanno partecipato il direttore commerciale della zona adriatica di Rfi, Paolo Pallotta, l’amministratore delegato dello  stabilimento materano che produce materiale rotabile, Vito Di Michele e il presidente del Consorzio industriale Gaetano Santarsia. Nei prossimi giorni Rfi, che effettuerà un sopralluogo tecnico sul tronco lungo sei chilometri, presenterà la bozza del nuovo contratto della durata di sei anni e che preveda la corresponsione di un canone. Nel frattempo Ferrosud continuerà a lavorare utilizzando il tratto di collegamento alla rete ferroviaria, anche in relazione – da quanto ha riferito Di Michele – alle prospettive del piano di rilancio industriale e alle commesse in cantiere. Tra queste figurano la costruzione di sette carrozze comfort, con l’opzione di altre dieci, del ricorso presentato al Tar del Lazio tramite il Consorzio meridionale per un appalto di 110 carrozze di Trenitalia, alla disponibilità a realizzare carrozze “monopiano” e a una struttura di prova dinamica per treni ad alta velocità. Di Michele ha anche aggiunto di essersi attivato per riportare a Matera la manutenzione del treno d’epoca Orient Express. Un giudizio positivo sul risultato dell’incontro di Bari è venuto dal segretario provinciale di Matera della Fiom Cgil, Giuseppe Giannella, il quale ha chiesto che l’utilizzo del tronco ferroviario della Ferrosud possa essere esteso all’intera zona industriale di Jesce e al comprensorio di Matera, l’unico capoluogo non servito dalla rete ferroviaria.

Share Button