Matera, scuola di via Bramante: continua la protesta per la chiusura del plesso

Matera. Non inizia sotto i migliori auspici l’anno scolastico a Matera, soprattutto per genitori, alunni e insegnanti del plesso di via Bramante, chiuso per inagibilità il 3 agosto scorso. Le venti classi dell’edificio sono state trasferite 2 in via Lazazzera, 4 in via Greco, 7 in piazza degli Olmi e 7 in via Marconi. Ma le proteste non si sono affatto placate al suono della prima campanella. Le famiglie non condividono la soluzione adottata dall’amministrazione comunale e si scagliano contro il sindaco Adduce responsabile, dicono, di aver sistemato i bambini in luoghi insicuri e non idonei per svolgere serenamente l’attività didattica. Sebbene le strutture individuate siano delle scuole l’incolumità degli alunni sarebbe a rischio. Alle preoccupazioni si aggiungono i disagi di genitori e insegnanti provocati dal frazionamento della classi in vari plessi. Questa mattina, per protesta, gli alunni sono entrati in aula alla seconda ora. Non sono mancati momenti di tensione. Ai nostri microfoni il disappunto dei genitori che in queste ore stanno contattando gli enti preposti per una verifica dei requisiti di sicurezza, staticità e delle condizioni igieniche degli edifici scolastici. GUARDA IL VIDEO. 

 

Share Button