Matera è Fiera, forte richiamo di pubblico per la 3° edizione

MATERA – Un evento che ha generato un forte richiamo di pubblico.Chiude con un bilancio positivo la terza edizione di Matera è Fiera. Per i numeri e i dati, occorrerà aspettare qualche giorno, quando il bilancio verrà presentato ufficialmente. Ma la sensazione è che la soglia delle 40mila presenze, per le cinque giornate, sia stata raggiunta e superata. Si consolida l’appuntamento con la fiera materana, alla sua terza edizione, che quest’anno, nei suoi 10mila metri quadrati di area, ha ospitato ben 160 espositori. Nei grandi numeri, trova riscontro anche la formula dell’evento, convegni e spettacoli che hanno fatto da cornice all’intera kermesse. Temi di vasto respiro e riflettori puntati su aspetti e settori strategici per il territorio, durante i convegni. Dai piaceri, le modalità e le difficoltà legati alla lettura, al turismo, quale volano dell’economia lucana, alla cultura, come fondamento dell’azione pubblica. Senza dimenticare il mondo del volontariato e del terzo settore e poi ancora gli strumenti di accesso al credito, per le micro imprese, le piccole e medie industrie. Tema, quest’ultimo, intorno al quale hanno ruotato ieri i lavori dell’ultimo convegno, organizzato dalla Confederazione Nazionale dell’Artigianato. Ha funzionato, ancora una volta, la proposta degli spettacoli serali, con l’apertura, quest’anno, anche al mondo del teatro e la performance, di apertura, affidata alla compagnia materana Talìa. E poi i grandi nomi del cabaret e dello spettacolo, locali e nazionali: dall’umorismo in salsa barese di Gianni Ciardo, e Uccio De Santis, alla comicità del Mago Forest e le chicche musicali del maestro Mazza e la sua orchestra. Ora spenti i riflettori della terza edizione, non rimane che cominciare a pensare alle prossime, con l’obiettivo di porsi strategicamente il nodo di riflessione e operativo sulla location, come più volte sottolineato anche in veste istituzionale durante gli incontri di questi giorni.

 

Share Button