Stagione estiva 2012, sulla costa jonica lucana prevale ottimismo

Con i suoi circa 15 stabilimenti balneari, una presenza che, solo dalla vicina Puglia, fa registrare mediamente, ogni anno, arrivi fra i 10 e i 15 mila vacanzieri, Policoro conferma la sua vocazione turistica estiva. Complici quest’anno anche Scipione, Minosse e Ulisse, ma anche grazie al boom di appartamenti e villini, la stagione 2012 non sarà certamente ricordata fra le peggiori. Almeno ad ascoltare gli operatori turistici della zona. Rimangono ovviamente le fluttuazioni, che gran parte di loro definiscono fisiologiche. In buona sostanza la gente c’è ma tende a concentrarsi nel fine settimana. E ci sono anche gli stranieri. Oltre a lucani e pugliesi, molti i turisti tedeschi che hanno deciso di concedersi una vacanza al sole, proprio sulla costa jonica. Si tratta, ovviamente, di percezioni e non di numeri e di dati. Quelli verranno, quando verrà stilato un vero e proprio bilancio della stagione. Ma per il momento, il giudizio degli opreratori rimane complessivamente positivo. Per l’andamento della stagione turistica 2012, sulla stessa lunghezza d’onda il giudizio espresso dagli operatori di Scanzano Jonico. Anche qui gli stabilimenti non mancano. Ne abbiamo contati circa una decina. Non mancano ovviamente il sole e il mare. E anzi la sensazione che si ha,visitando tutti i paesi che si affacciano sulla costa jonica lucana, da Bernalda a Scanzano, da Policoro a Rotondella, senza dimenticare le viste mozzafiato di Valsinni e Colobraro, è che non abbiano nulla da invidiare al Salento. Manca purtroppo una proposta integrata. Ma questa è un’altra storia. Tornando a Scanzano e alla stagione 2012, fra gli operatori prevale intanto l’ottimismo. Surrogato tra l’altro dalle previsioni meteo: Ulisse potrebbe accompagnarci fino a ferragosto.

 

Share Button