Angelino (Udc) insiste sulle dimissioni del Comitato della Bruna

Piazza Vittorio Veneto il 2 luglio

MATERA – Non si placa la furia di Angelino sulla Festa della Bruna 2012. L’imperdonabile errore del Tg5, che nell’edizione di domenica mattina ha attribuito le celebrazioni della Madonna patrona a Macerata, ha risvegliato ancora una volta, sul tema, lo spirito critico del consigliere comunale materano dell’Udc. “Questo ‘incidente’ giornalistico – scrive oggi in una nota – ha concluso nel peggiore dei modi una festa che non ha convinto sotto diversi punti di vista”. I primi a salire sul banco degli imputati nel processo di Angelino alla Bruna 2012, per questo motivo, sono i rappresentanti del clero, in primis il delegato arcivescovile nel Comitato festeggiamenti, don Vincenzo Di Lecce, che, ricorda il consigliere “è stato contestato in modo esplicito con alcuni striscioni apparsi in mattinata durante la processione dei pastori”. Poi rilancia la questione della diretta televisiva – e, sia chiaro, a farlo è il consigliere comunale materano dell’Udc, Giovanni Angelino – definendola “discutibile”. “Le segnalazioni relative alla mancata ricezione del segnale sono state diverse e credo che il presidente Francesco Loperfido – scrive Angelino – dovrà assumersi le proprie responsabilità per le difficoltà che hanno impedito a tanti cittadini, soprattutto anziani e ammalati, di seguire la diretta televisiva della festa patronale”. Da non sottovalutare, infine, secondo il consigliere Angelino, è anche il numero elevato di feriti registrato in occasione dello sfascio del carro, che ha riaperto il tema legato alla sicurezza dei cittadini che assistono al momento culminante della festa della Bruna. “Nulla di personale contro Loperfido e gli altri componenti del comitato – conclude Angelino – ma alla luce delle numerose falle registrate in questa edizione della festa mi sembra opportuno sollecitare nuovamente le dimissioni in blocco del comitato e ribadire un concetto molto semplice: la festa va riconsegnata ai materani!”.

Share Button