Festa della Bruna: Cattedrale e diretta tv “perni” della tradizione per la CCIAA di Matera.

Matera – La piena disponibilità della cattedrale di Matera, a nove anni dalla chiusura, e la necessità di favorire la piena fruibilità della festa del 2 luglio a quanti sono impossibilitati a seguirla, sono priorità sulle quali ripiegarsi per restituire integrità all’evento della tradizione più atteso dai materani. Ad intervenire sulla questione è il presidente della Camera di commercio di Matera, Angelo Tortorelli, che, in una nota, esprime rammarico per l’incompletezza di due momenti fondamentali della Festa patronale dell’arcidiocesi di Matera – Irsina, che ne limitano immagine e offerta. “ Il limite della diretta televisiva– dice Tortorelli –concentrata in poche ore, penalizza quanti sono impossibilitati a seguire l’evento”. “Ci sono giunte segnalazioni di imprenditori – aggiunge il presidente dell’ente camerale – che hanno appreso con stupore un provvedimento in controtendenza rispetto alla tradizione della festa. Non siamo contrari alle innovazioni – sottolinea Tortorelli – alle logiche di mercato per l’inserimento di soggetti imprenditoriali che possano contribuire a migliorare offerta e immagine del 2 Luglio, alla presenza di network televisivi e multimediali nazionali e internazionali, ma occorre ricordare che la Festa è prima di tutto dei materani. Riteniamo che la questione – dice ancora Tortorelli – potesse essere approfondita e valutata, per tempo, in tutti i suoi aspetti, finanziari e organizzativi, per non venire meno a questa esigenza’’. L’altra questione toccata, riguarda i tempi di riapertura del Duomo, a causa di lavori di restauro e consolidamento che richiedono finanziamenti aggiuntivi.“Anche la Cattedrale e piazza Duomo – rimarca Tortorelli – fanno parte di una tradizione interrotta che va ripresa, accelerando il più possibile i tempi per la riapertura del Tempio e con i necessari finanziamenti”. Ritornando sulla questione della diretta televisiva della festa della Bruna, dopo che martedì scorso nel nostro editoriale era stato annunciato che non ci sarebbe stata alcuna messa in onda della celebrazione eucaristica del mattino, la curia fa sapere che, su 2 emittenti pugliesi ed una veneta, sarà assicurata la diretta televisiva delle fasi più importanti: la Messa delle ore 11,00 e la processione del carro trionfale dalle ore 19,30 fino al termine della stessa.

Share Button