Confesercenti Matera segnala vendita abusiva promossa da Coldiretti.

Matera – Vertici e tesserati lucani della Coldiretti,  la principale Organizzazione degli imprenditori agricoli a livello nazionale ed europeo, in assemblea sabato mattina 16 giugno a Matera per discutere di una rinascita del sud puntando sull’agroalimentare. A dare lustro all’incontro, la partecipazione del presidente nazionale di Coldiretti, Sergio Marini. All’interno del cineteatro Duni si è posto l’accento di fatto sul recupero della filiera agroalimentare, restituendo centralità e reddito al produttore, e sul riconoscimento pieno dell’identità del made in Italy con le sue produzioni tradizionali. “Vanno rivolte attenzioni ai produttori e ai territori – ha detto il presidente Marini – e per questo la politica deve recuperare ruolo e funzioni rispetto alla Finanza, che ha ignorato e continuato a ignorare le vere esigenze del Paese”. Peccato però, sottolinea la Confesercenti di Matera, su segnalazione di alcuni commercianti affiliati, che mentre si discuteva di ciò sarebbe avvenuta una presunta vendita abusiva di prodotti ortofrutticoli in Via Roma e presso il cineteatro Duni; i commercianti sostengono che in stand ben organizzati siano avvenute operazioni di compravendita a partire dalla prima mattinata di sabato e  durate fino alle ore 14 circa. Un’azione del genere, interviene Confesercenti Matera, come è facilmente immaginabile,  ha provocato un ingente danno economico alle attività commerciali della zona, compresa la vicina Piazza Ascanio Persio i cui operatori, come dagli stessi segnalato, hanno ora a disposizione notevoli quantitativi di merce deperibile rimasta invenduta. Per quanto accaduto, l’associazione di categoria che rappresenta le piccole e medie imprese italiane del commercio, del turismo e dei servizi, chiede alle Autorità preposte di fare chiarezza e preannuncia che i commercianti interessati dagli effetti negativi della presunta vendita abusiva faranno valere i propri interessi nelle sedi opportune.

Share Button