A Datacontact la Festa della Mamma che lavora

Matera. “Festa della mamma che lavora”. Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa integrale sulla manifestazione. Nel pomeriggio di mercoledì presso la sede di Datacontact di Matera si è svolta l’edizione 2012 della “Festa della mamma che lavora”,  un’iniziativa promossa a livello nazionale con il patrocinio del Ministero delle Pari opportunità, alla quale l’azienda aderisce da cinque anni con grande entusiasmo e partecipazione. L’evento era stato inizialmente programmato lo scorso 18 maggio ma – per motivi di opportunità – l’azienda aveva ritenuto corretto rinviarlo in attesa che si sciogliessero le pesanti nubi relative all’esito del nuovo contratto con Telecom Italia. Lo sviluppo della vertenza, che ha visto alla fine azienda e lavoratori uniti nel trovare la soluzione per una felice svolta, ha consentito alla fine di avere modo di festeggiare questa iniziativa tanto attesa con una marcia in più, dedicandola  profondamente a tutte le mamme e alle future mamme che lavorano, nonché a tutte le famiglie che hanno sperato fino all’ultimo che si componessero le questioni da cui dipendevano le conferme contrattuali per 412 lavoratori. In azienda si è respirata un’aria di vera e propria festa con diversi momenti ludici e di aggregazione studiati per le varie fasce d’età, anche in considerazione della significativa crescita del numero di piccoli ospiti presenti. Dalle poche unità del primo anno si è giunti infatti ad ospitare nella sola sede di Matera oltre 200 bambini e ragazzi. Alto ed interessante resta il valore simbolico di questa ricorrenza, specie per una realtà molto al femminile come quella di Datacontact, che oggi conta oltre 1400 fra dipendenti e collaboratori, di cui il 73% donne e specie in un momento di massima delicatezza e problematicità che vive il contesto territoriale sul piano produttivo, economico e sociale. Un motivo reale di  festeggiamento ma anche di riflessione, che ha messo al centro il ruolo delle mamme (e anche dei papà!), felici oggi di poter condividere questo momento con i popri figli, sottolineando al contempo l’importanza delle pari opportunità lavorative, della conciliazione ed armonizzazione fra i tempi della famiglia e quelli del lavoro e delle problematiche che investono le donne in ambito lavorativo. Anche questa iniziativa – per quanto impostata in chiave di festa, di gioco e di condivisione ludica – è infatti utile ed importante per riconoscere tutto il valore e la competenza dell’operatrice e dell’operatore di contact center, in qualità di professionista della relazione, con un bagaglio formativo, una predisposizione caratteriale e la capacità di traguardare sfidanti obiettivi di risultato, che sono elementi imprescindibili per operare su un mercato complesso ed esigente qual’è quello della gestione dei servizi in outsourcing. Il pomeriggio in azienda è stato allietato da un primo momento di incontro ed accoglienza in musica con mascottes, cui è seguito un programma di attività, intrattenimento, teatro e baby dance. Sono stati gestiti laboratori creativi finalizzati a rinforzare la conoscenza da parte dei bimbi del ruolo svolto dalla mamma e dell’ambiente di lavoro presso il quale essa opera ogni giorno. Due in particolare le iniziative importanti che hanno caratterizzato questa edizione della festa. Da un lato si è voluto organizzare per i bambini di fascia d’età intermedia un laboratorio di lettura in collaborazione con l’Associazione Tolbà sul tema della integrazione, della relazione e della cultura plurale linguistica ed etnica, sempre con lo sfondo del tema rapporto mamma-figlio, con la consegna finale ai partecipanti del libro “Gli orecchini della madre”. Dall’altro l’azienda ha voluto sponsorizzare un interessante progetto promosso dalle seconde classi della Scuola Primaria sezioni A/B del IV circolo didattico di Matera, realizzando la stampa di una pubblicazione voluta dalle maestre e realizzata dai bambini sul tema delle emozioni. Il libro: “Racconti: Giochiamo con pensieri ed emozioni” è stato presentato dal figlio di una dipendente di Datacontact insieme alle sue maestre e regalato a tutti i bambini più piccoli presenti. Ai più grandi invece è stato riservato un momento conoscitivo sulle attività gestite dall’azienda, sempre con taglio ludico e divertente, anche riprendendo alcuni passaggi della produzione artistica “Datacontact: Il musical” proposta lo scorso anno in occasione della convention per il decennale aziendale e che recentemente ha visto a Milano l’assegnazione ad essa di due significativi premi da parte di una Giuria di esperti di comunicazione per il concorso “I magnifici UNICOM”, promosso dall’associazione che riunisce in Italia oltre 300 imprese di comunicazione. In particolare i premi assegnati alla produzione musicale in occasione della recente assemblea annuale degli associati sono stati il Premio della Categoria Innovazione ed il Premio Speciale della Giuria per la miglior strategia di comunicazione integrata offline/online/unconventional. Al termine del pomeriggio si è tenuto per tutti un coreografico e poetico spettacolo di bolle di sapone e l’immancabile taglio della torta, sotto la cornice di un bellissimo murales realizzato con tutte le manine dei piccoli partecipanti alla “festa della mamma che lavora”, a ricordo della giornata. Nel corso dell’edizione odierna della festa è stata infine annunciata la conferma ed arricchimento della convenzione già operativa con la cooperativa Il Puzzle di Matera, che riserva a tutti i dipendenti e collaboratori dell’azienda opportunità, programmi  e servizi nell’ottica della conciliazione lavoro/famiglia, con l’obiettivo di ridurre il costo di accesso ai servizi di asilo, nido, pre e dopo scuola, ludoteche e centri estivi erogati dalle strutture convenzionate, consentendo così alle famiglie un maggior utilizzo degli stessi in termini di flessibilità e di accessibilità.

 

 

Share Button