Imminente la ripresa dei lavori sulla Bradanica

Matera. Lotto di “La Martella” della superstrada Bradanica: si va verso la ripresa dell’attività di cantiere. Da alcuni mesi i lavori sono bloccati, ma in queste ore il sindacato sta registrando confortanti segnali che garantirebbero in tempi piuttosto ravvicinati la ripresa dell’intervento. Per Franco Pantone, della Cisl, gli accordi per restituire il cantiere alla operatività completa sarebbero in corso di definizione e potrebbero concludersi già nelle prossime ore. Il che significa, espletate le necessarie procedure, la ripresa dell’attività lavorativa già nella seconda metà del prossimo mese di giugno. Sempre secondo il sindacato a garantire la prosecuzione dell’intervento, dopo
il forfait per questioni finanziarie dell’impresa Angelo Intini, sarebbe la società Aleandri, gruppo pugliese che nel Materano ha eseguito importanti interventi, uno sul lotto della Bradanica di Santa Maria d’Irsi, l’altro per l’ammodernamento della statale 99 da Matera a borgo Venusio. Gli accordi prevederebbero il passaggio automatico degli addetti ai lavori (in tutto una sessantina) alla nuova società e soprattutto il completo rispetto del progetto che verrebbe completato entro i prossimi due anni. Costo dell’opera una cinquantina di milioni. Al momento sarebbe stato speso all’incirca il venti per cento della somma disponibile. Quasi undici i chilometri da realizzare, un
intervento che consentirebbe, almeno nel Materano, la lunga e tormentata pratica-Bradanica all’attenzione – si fa per dire – delle istituzioni interessate da oltre un trentennio. Si tratta di un’opera strategica per la Città dei Sassi che lungo questa direttrice di marcia potrà collegarsi in tempi più brevi al nodo autostradale di Candela, senza considerare la riduzione dei
tempi di percorrenza per coloro che giornalmente sono diretti allo stabilimento Sata di San Nicola di Melfi.

Share Button