Cotugno (Sel): “per il Madonna delle Grazie non c’è più tempo da perdere”

MATERA – “Dopo i livelli di eccellenza toccati con la gestione Maroscia-Gaudiano, l’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, secondo polo ospedaliero lucano, oggi versa in gravi difficoltà”. Lo sostiene e lo segnala, in una nota, il consigliere comunale di Sinistra e Libertà, Angelo Cotugno. “La cronica carenza di personale ad ogni livello e le tecnologie ormai obsolete delle attrezzature mediche rendono impossibile il lavoro a professionalità pur eccellenti – spiega il consigliere – e hanno comportato un drastico ridimensionamento in alcuni reparti, col risultato di attività ridotte, come l’emodinamica e persino la sala operatoria, di posti letto azzerati come accaduto per Gastroenterologia, Oculistica e Chirurgia vascolare, e di strutture complesse senza primario come Pneumologia, Cardiologia, Oculistica ed Endoscopia”. Di qui l’appello al Presidente della Regione, De Filippo, e all’assessore alla Sanità, Martorano, affinché si giunga quanto prima al Piano sanitario, per riallocare le risorse economiche ed umane verso quelle strutture che hanno caratteristiche di primaria importanza. Per il Madonna delle Grazie, insomma, si chiede pari dignità rispetto al San Carlo di Potenza e al Crob di Rionero, destinatari di ingenti finanziamenti nonostante dovrebbero gestirsi autonomamente, affinché l’ospedale materano possa tornare a quei livelli di eccellenza che negli anni passati hanno visto l’afflusso di pazienti dalle regioni limitrofe e la riduzione di migrazione sanitaria verso strutture anche improbabili.

Share Button