Bradanica, vertice in Prefettura sul futuro del lotto di La Martella

MATERA – Bradanica, lotto di La Martella. Vertice questa mattina a Matera, in Prefettura, sul futuro del tronco destinato a dare continuità all’importante infrastruttura stradale in tutto il territorio materano: 11 kilometri che renderebbero percorribile la Bradanica, senza interruzioni, fino nella provincia di Potenza. Sul tavolo, al quale hanno preso parte rappresentanti delle istituzioni locali, Sindacati e Associazioni di Categoria, in primo piano la necessità di restituire continuità operativa al cantiere. Ma accanto al completamento dell’opera, massima priorità al pagamento della manodopera e dei fornitori, come hanno ribadito ai nostri microfoni i rappresentanti sindacali. Tutti sono chiamati quindi ad uno sforzo collettivo per evitare che la Bradanica, in attesa di essere terminata da oltre un trentennio, subisca un altro stop: Regione, Provincia e Comune di Matera ma anche l’Anas, perché l’opera non sia abbandonata a sé stessa. Per il completamento dell’opera, fanno sapere dalla Intini, società capofila dell’associazione temporanea di imprese, incaricata di realizzare il progetto, sono in corso incontri giornalieri col Consorzio Cooperative Costruzioni. Sugli emolumenti ai lavoratori, le spettanze potranno essere saldate dall’Anas, dopo la fornitura delle buste paga. A destare preoccupazione, ha sottolineato Leo Montemurro di Cna, è la condizione dei 60 lavoratori direttamente coinvolti nella realizzazione dell’opera ma altrettanto delicata, ha ribadito il responsabile dell’associazione di categoria, rimane la questione legata ai pagamenti ai subappaltatori e ai fornitori.

 

Share Button