Scuola di restauro a Matera: Pedicini rilancia la questione

Matera. Dell’apertura a Matera della seziona distaccata della Scuola di restauro nell’ex convento di Santa Lucia se ne parla ormai dal 2007 ovvero dalla sigla del protocollo d’intesa con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, l’Istituto Centrale del Restauro,la Fondazione Zétema, la Provincia e il Comune di Matera. In tale protocollo tutti i soggetti sottoscrittori si impegnavano alla più alta e proficua collaborazione al fine di avviare tutte le attività per la costituzione del Centro per la Conservazione e il Restauro nella città di Matera, nonché l’annessa Scuola di Alta formazione e Studio per l’insegnamento del restauro e della conservazione del patrimonio culturale deputata al rilascio del diploma di laurea quinquennale. Un polo di eccellenza per dare alla Basilicata ed a Matera il ruolo di centro di riferimento dell’intero Mezzogiorno nel campo della ricerca e dell’innovazione in ambito culturale e della formazione di profili professionali richiesti dal mercato del lavoro nazionale ed europeo. Ma l’ Istituto per la Conservazione ed il Restauro dov’è oggi? A domandarselo è il consigliere comunale del Pdl Adriano Pedicini che in una nota – parla di un vero e proprio “allarme culturale”. “Sarebbe ragionevole – spiega – pensare che i tempi dovrebbero essere scanditi con l’urgenza che il caso merita, ed invece la politica di questa città sembra non accorgersi di tutto ciò, di snobbare la struttura”. Lo scorso anno,il Presidente della Fondazione Zetema, Raffaello De Ruggieri, stimò la consegna dei lavori della sede per la prossima estate e di conseguenza, l’avvio dei corsi in autunno. “A ben guardare il cantiere, abbandonato o in colpevole ritardo – commenta il consigliere del Pdl – mi risulta difficile profetizzare date che trovino il loro effetto nell’immediato futuro”. “Se veramente puntiamo ad essere capitale europea della cultura, – conclude Pedicini – lo si dimostri nei fatti perché sino ad oggi di chiacchiere ne abbiamo sentite fin troppe”.

Share Button