Rinviato l’incontro a Roma sul mobile imbottito

Slitta ancora una volta l’incontro romano, presso il Ministero dello Sviluppo economico, per la definizione dell’accordo di programma per il rilancio del mobile imbottito murgiano. La riunione in programma domani, infatti, è stata rinviata quest’oggi a causa del riordino degli strumenti e delle risorse che devono essere destinati al sistema degli incentivi a cui sta provvedendo il Governo Monti e per esso il ministro Passera. Ovviamente i primi a tuonare sono stati i sindacati. “L’accordo di programma – ha scritto in una nota il segretario regionale di Ugl Costruzioni, Angela Cifarelli – rischia di trasformarsi nell’ennesima beffa al Mezzogiorno. Il Governo Monti snobba un appuntamento che si sarebbe potuto rivelare decisivo per l’economia locale e quella delle famiglie dei lavoratori interessati”. La Filca-Cisl lucana parla di “rinvio vergognoso. A questo punto – si legge in una nota – il sospetto più che fondato è che non ci sia la volontà concreta di rilanciare il polo del salotto e si cerchino giustificazioni fantasiose per stoppare tutto, mentre i lavoratori e le loro famiglie sono alla disperazione”. Sul rinvio ministeriale sono intervenuti anche gli assessori regionali della Basilicata alle attività produttive e alla formazione, Marcello Pittella e Vincenzo Viti, definendo “urgente” l’interlocuzione col Governo sul settore dell’imbottito. “Puglia e Basilicata – hanno detto – hanno una volontà cooperativa completa ed esplicita, determinazione assunta dopo i contatti coi sottosegretari D’Andrea e De Vincenti e finalizzata alla definizione di una nuova data dell’incontro, da fissare in tempi brevissimi”.

Share Button