Vigili dei fuoco, No ai tagli indiscriminati

MATERA – Vigili del fuoco. Troppi i tagli: si abbattono in modo indiscriminato in un settore delicato come quello della sicurezza, che la politica garantisce di voler preservare, ma solo sulla carta. A lanciare l’allarme è la Federazione Nazionale Sicurezza Vigili del Fuoco della Cisl, che ha riunito questa mattina a Matera i suoi vertici, in occasione di un’assemblea sindacale, che ha avuto luogo all’interno del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco. Il problema degli organici ridotti, è stato ribadito, riguarda l’intero territorio nazionale e non fanno eccezione le province di Potenza e Matera, dove, in particolare, mancano all’appello diverse decine di unità. I vigili del fuoco, sottolinea il Sindacato, riescono a garantire ugualmente ogni giorno interventi rapidi ed efficaci, spesso grazie alla buona volontà e allo spirito di sacrificio del personale, nonostante carenze ed intoppi di varia natura. Ma in primo piano non c’è solo l’emergenza organici. A richiamare l’attenzione del Sindacato, anche il sistema pensionistico e previdenziale, le calamità e la formazione. Si tratta di capitoli fra loro strettamente legati, ha ribadito il Segretario Nazionale Vicario Fns Cisl Vigili del Fuoco, Fabio Martella, che ha posto l’accento anche sulle problematiche correlate al rifornimento del carburante, alla condizione dei mezzi di soccorso e alla necessità di organizzare le turnazioni. Alla politica quindi l’invito a riservare al settore sicurezza l’attenzione che merita. No ai tagli lineari dunque, che negli ultimi anni hanno provocato non pochi malumori all’interno del settore sicurezza e non solo fra i vigili del fuoco. Se vorremo rimettere in moto la macchina, senza incidere sui capitoli dei servizi e della sicurezza, ha osservato il Segretario Confederale Provinciale Cisl, Giuseppe Amatulli, occorrerà ripartire dalla lotta all’evasione e dai patrimoni.

 

Share Button