Santochirico (Pd): "evitare che il paesaggio dei Sassi sia compromesso dalle pale eoliche"

“Tre progetti rischiano di compromettere il patrimonio dell’umanità dei Sassi di Matera”. E’ l’allarme lanciato ieri dal consigliere regionale lucano del PD, Vincenzo Santochirico, riferito al rischio di installazione di tre impianti di imponenti pale eoliche. Pertanto, in un’interrogazione presentata al presidente del Consiglio, Vincenzo Folino, ha chiesto di “applicare il Piano di tutela e valorizzazione dei caratteri paesaggistici, storici, culturali e naturalistico ambientali”. Santochirico fa sapere che “nell’elenco delle domande relative ad impianti eolici, dichiarate procedibili al 15 novembre 2011 e rientranti nel tetto massimo di potenza consentito dal Piano energetico e ambientale, risultano tre istanze relative ad altrettanti parchi eolici ricadenti in agro di Matera. Due di essi, in particolare, sono localizzati abbastanza vicini l’uno all’altro, per una complessiva potenza di circa 70 megawatt e 20 torri eoliche; mentre un altro, di consistenza inferiore, è collocato in parte opposta rispetto agli altri due”. Il consigliere Santochirico, inoltre, fa presente, inoltre, che “nel novembre scorso è stato costituito il comitato paritetico fra i ministeri dei Beni culturali e quello dell’Ambiente e la Regione Basilicata – promosso da lui stesso – per realizzare insieme il Piano di tutela esteso all’intero territorio regionale, anche per individuare le aree non idonee alla localizzazione di impianti energetici da fonti rinnovabili. Al momento però – prosegue – non è dato sapere se tale comitato abbia fornito indicazioni concrete e tempestive in tal senso, per evitare che nelle more di redazione del Piano e di individuazione delle aree si comprometta irreparabilmente il territorio”. Ed occorre capirlo, come vuole fare Santochirico, visto che – aggiunge, nel caso dei Sassi – “questi costituiscono il fattore decisivo per lo sviluppo turistico di Matera e dell’intera Basilicata”.

Share Button