Alluvione: a De Filippo da Mise rassicurazioni su fondi e ordinanza

Vito De Filippo

ROMA – Gianni Fabbris, da portavoce del comitato Terre Joniche, l’aveva chiesto a gran voce, dopo l’allarme lanciato dal senatore di IdV Belisario, in merito a una possibile cancellazione dei fondi statali stanziati per gli alluvionati del Metapontino: “De Filippo vada a Roma per riportarsi a casa l’ordinanza”. E così è stato, più o meno. Il governatore lucano, oggi nella Capitale per la Conferenza Stato-Regioni, secondo quanto da lui stesso riferito in una nota, “ha ottenuto l’impegno del Ministero dell’Economia a mantenere lo stanziamento di sette milioni di euro da parte dello Stato”, in aggiunta ai 7 e mezzo già messi in campo dalla Regione, “sottraendoli alla scure del decreto sviluppo. Quanto all’emissione dell’ordinanza del Presidente del Consiglio attuativa del Decreto di Calamità già da tempo adottato – ha spiegato De Filippo – la riunione ha fatto emergere il rischio di tempi lunghi nel dialogo con la Protezione Civile che potrebbero essere evitati da un intervento della Presidenza del Consiglio”. Per tale motivo, De Filippo ha già avviato “contatti con il sottosegretario alla Presidenza, Gianni Letta, indicato come colui che potrebbe condurre la vicenda a definizione”, interessando anche il neo-sottosegretario all’Interno, Viceconte e i parlamentari lucani affinché ognuno si attivi secondo le proprie possibilità e in base ai propri ruoli. Un’azione, quella di De Filippo, che è stata pubblicamente apprezzata da Coldiretti di Basilicata che, in una nota, ha auspicato che questo gioco di squadra ci sia veramente e porti i risultati sperati. Viceconte, intanto, ha comunicato di aver già incontrato Letta, “per assicurarsi che si proceda in tempi rapidi all’erogazione dei fondi”.

Share Button