Dietro-front del Governo sui fondi per le alluvioni, Belisario (IdV) lancia l’allarme

Il senatore Belisario

Si chiama “ddl stabilità” e corrisponde all’ennesimo tentativo del Governo Berlusconi, per mano del suo emissario all’Economia, Tremonti, di arginare una crisi che sta facendo definitivamente naufragare l’Italia. Il problema è che il disegno di legge, tagliando tagliando, finisce con lo sfalciare anche fondi indispensabili per la ripresa di comunità locali in ginocchio, come quelli destinati alle aree della Basilicata duramente colpite dall’alluvione dello scorso febbraio. A lanciare l’allarme, questa mattina, in una nota, è stato il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario. Si tratta, in pratica, delle risorse stanziate dall’esecutivo nazionale, ovvero 7 milioni di euro, con la manovra economica dello scorso mese di agosto e destinate al ripristino e alla messa in sicurezza delle infrastrutture danneggiate dalle alluvioni. Soldi che avevano alleggerito, se pure non del tutto, le preoccupazioni dei metapontini. Gianni Fabbris, portavoce del comitato Terre Joniche, impegnato nella rivendicazione dei diritti di queste comunità, a tale proposito ha fatto sapere che “dalle sue verifiche in merito non emergono ancora elementi di certezza”, si tratterebbe di ipotesi quindi ma il rischio è comunque grande, ecco perché, ha aggiunto Fabbris, “va definita urgentemente l’ordinanza relativa al provvedimento, per evitare che tali fondi si perdano e, di conseguenza, si perdano anche quelli della Regione Basilicata, altri 7 milioni di euro. Il documento è pronto e giace in un cassetto per diatribe politiche interne al Governo – ha concluso Fabbris – e ora è il momento che il presidente lucano, De Filippo, vada a Roma per riportarsi a casa l’ordinanza”. Belisario, invece, a chiusura della nota in cui ha comunicato l’intenzione di Tremonti, ha dichiarato che “la sicurezza è una priorità e non un optional e che questa è un’altra conferma dell’incapacità di questo governo allo sbando, la cui unica missione è ormai quella di tagliare tutto a tutti. I parlamentari del centrodestra eletti in Basilicata – ha concluso – si vergognino, oppure diano battaglia con noi per ripristinare i fondi già scarsi”.