Natuzzi, firmato a Roma l’accordo per la cig straordinaria

Lo stabilimento "Natuzzi" di Jesce

ROMA – E’ stato sottoscritto ieri, a Roma, presso il Ministero del Lavoro, il verbale di accordo per la cassa integrazione straordinaria alla Natuzzi. Il provvedimento, motivato con necessità di riorganizzazione, riguarda i 2.940 dipendenti in organico degli stabilimenti delle province di Bari, Matera, Taranto e Udine. La cassa integrazione, che sarà applicata a rotazione e con riduzione di orario, sarà esecutiva dal 16 ottobre 2011 fino al 15 ottobre 2013. I lavoratori saranno individuati di volta in volta in base alle esigenze tecnico-operative e organizzative. L’esubero strutturale denunciato dall’azienda è a oggi di 1.276 addetti, che scenderanno a 1.060 nel 2013. L’accordo prevede incentivi all’esodo, mobilità su base volontaria, percorsi di formazione continua e sostegno a progetti di auto-imprenditorialità anche in relazione all’avvio dell’accordo di programma per le aziende del mobile imbottito del Distretto murgiano del salotto, in corso di definizione presso il Ministero dello Sviluppo Economico. La Natuzzi, inoltre, ha annunciato, un piano finanziario di investimento pari a 25 milioni di euro finalizzato all’acquisto di beni strumentali, ricerca, sviluppo e riqualificazione.

Share Button