Inaugurato il nuovo stabilimento Italcementi di Matera

Lo stabilimento di Matera

MATERA – E’ stato inaugurato oggi, a Matera, alla presenza del presidente del gruppo, Giampiero Pesenti e del consigliere delegato, Carlo Pesenti, il “rinnovato” impianto della Italcementi. Attivo dal 1974 lungo la vecchia statale Appia in località Trasanello, l’impianto è stato ristrutturato e reso “ancora più efficiente dal punto di vista industriale e ambientale”, con una migliore prestazione produttiva “e bassissimi livelli di emissione”. I benefici per l’ambiente, ottenuti grazie a una nuova tecnologia a sviluppo verticale, riguardano una riduzione del 98,7 % del biossido di zolfo, 72 % di polveri, 42,8 % di ossidi di zolfo, 10% di anidride carbonica e del 21 % di consumi termici. Nella torre dell’impianto, alta 90 metri, vengono lavorati e prodotti circa tremila tonnellate di cemento al giorno. L’impianto è alimentato con petcoke o carburante alternativo con pneumatici triturati. L’investimento ha richiesto una spesa di cento milioni di euro. I lavori, cominciati nel 2008 e completati a maggio 2010 con l’avvio del nuovo forno, sono durati 18 mesi e hanno impegnato 65 imprese e 390 uomini. La cementeria occupa 108 dipendenti e dà lavoro a 300 persone, legate all’indotto e ha una capacità produttiva annuale di 800 mila tonnellate di cemento. “La sostenibilità – ha dichiarato Carlo Pesenti – è un percorso strategico di sviluppo. Italcementi da tempo haintrapreso questa via. Se tutti i protagonisti della vita dellacomunità condivideranno con noi questo percorso, il risultatofinale sarà la creazione di valore non solo materiale oeconomico, ma anche una migliore qualità della vita, nelrispetto del territorio, della sua cultura, delle sue tradizionie del suo patrimonio storico ambientale”.

Share Button