La Cisl interviene sul caso PEO al Comune di Matera

Il Comune di Matera

MATERA – Quando oltre 200 dipendenti presentano formale richiesta agli organi del Comune per ottenere chiarimenti su un argomento così importante come la Progressione economica orizzontale, il Sindaco non può rimanere in silenzio. Con queste parole la segreteria aziendale della CISL-FP del Comune di Matera è intervenuta su un tema delicato che sta preoccupando non poco gli impiegati del palazzo di via Aldo Moro. Dagli atti, si legge nella nota, emerge che si è deciso di adottare i “famigerati” criteri e le relative schede solo nella delegazione trattante del 14 dicembre 2010, e che gli stessi criteri siano stati applicati con effetto retroattivo facendo sorgere più di qualche legittima perplessità nei lavoratori medesimi. Inoltre l’accordo sottoscritto a dicembre prevede di attribuire una seconda trance di PEO con decorrenza 1 gennaio 2011, mediante l’incremento del fondo di almeno 25 mila euro, con contestuale riduzione del fondo per le Posizioni Organizzative. Di tutto questo non vi è traccia negli atti consumati dalla dirigenza e di questo chiediamo formalmente il perché, atteso che l’accordo sottoscritto con le tutte le Organizzazioni Sindacali il 14 dicembre 2010 deve essere portato in esecuzione integralmente non potendolo attuare a stralci secondo i voleri dell’Ente. La dirigenza ha impiegato oltre 5 mesi per predisporre le schede e la graduatoria, oggi vorrebbe portare tutto in liquidazione in un tempo troppo breve tale da diventare sospetto. Riteniamo sia assolutamente opportuno, si legge in fondo alla nota della CISL-FP, che si diano le risposte ai lavoratori e si faccia la dovuta chiarezza sulle procedure e sui criteri adottati, atteso che se quanto già approvato, dovesse risultare non legittimo, forse sarebbe il caso che non fosse portato in esecuzione. Dovendosi impiegare i fondi della produttività collettiva, che sono prerogativa di tutti i lavoratori, prima di spenderli, conclude il sindacato, devono esserci trasparenza e chiarezza.