Botta e risposta tra Asm e Venezia per il patrocinio ad Emergency

Il consigliere regionale lucano, Venezia

MATERA – Il patrocinio della discordia. Botta e risposta fulmineo, a suon di interrogazioni e comunicati, tra il consigliere regionale lucano del Pdl, Mario Venezia, e l’Asm di Matera, in merito al patrocinio che secondo il primo sarebbe stato chiesto da Emergency all’azienda sanitaria per la serata del 18 marzo scorso, quando al teatro “Duni” il fondatore dell’associazione di volontariato, Gino Strada, medico di guerra, ha incontrato la comunità cittadina. “Da segnalazioni pervenutemi”, scrive Venezia in un’interrogazione rivolta al presidente del Consiglio regionale e all’assessore alla Sanità, “sembrerebbe che l’ASM abbia rifiutato la concessione del predetto patrocinio”. Il consigliere pertanto chiede chiarimenti e, qualora fosse vero, di conoscere i provvedimenti atti a scongiurare quella che definisce “l’ennesima caduta di stile del sistema sanitario lucano”. Ma la replica dell’Asm è arrivata prima di quella della Regione. In una nota dell’azienda è precisato che alla direzione non è giunta “nessuna richiesta di patrocinio gratuito”, ma che invece si è trattato di “una richiesta di contributo economico”. Una distinzione sostanziale poiché, se si fosse trattato di patrocinio gratuito, l’Asm non avrebbe avuto difficoltà a concederlo, come accaduto per altre associazioni, mentre “i contributi”, si legge in chiusura di nota, “non rientrano tra le finalità aziendali”.

 



Share Button