Prodotti certificati e filiera corta: se ne parla ad Altamura

Altamura (Ba) – Mangiar sano oggi è molto difficile. Anche quei prodotti che la pubblicità invoglia ad acquistare con slogan salutisti, in realtà non sembrano tutelare il nostro benessere. Del resto la crisi economica porta il cliente a guardarsi intorno, a ricercare le offerte, a bilanciare il rapporto qualità-prezzo. I dati Istat parlano chiaro. A gennaio l’indice del clima di fiducia dei consumatori è sceso, a 105,9 dal 109,1 del mese precedente. Il calo è dovuto a un maggior pessimismo sul futuro della situazione economica del paese e della famiglia. Anche l’indice relativo al clima economico generale scende da 81,9 a 77,3. Riguardo ai prezzi, i giudizi circa l’evoluzione degli ultimi dodici mesi e le previsioni sull’andamento futuro, lasciano intravedere l’aumento dell’inflazione. Una soluzione sarebbe quella di valorizzare la genuinità dei prodotti tipici, affinché possano essere alla portata della maggior parte dei consumatori. Questi ultimi adeguatamente informati sul valore di tali acquisti.Dunque filiera corta, prodotti certificati, la cui rintracciabilità sia garanzia per la salute dell’acquirente. Ma il territorio murgiano e i suoi consumatori non sembrano ancora pronti.

Share Button