- trmtv - http://www.trmtv.it/home -

In protesta i lavoratori del salotto

FERRANDINA – Manca una vera e propria programmazione industriale mentre la politica territoriale interviene con aiuti alle imprese, che salvaguardano solo le proprietà e non i lavoratori. È questo l’ennesimo grido di allarme lanciato questa mattina da una folta rappresentanza di ex lavoratori del settore del mobile imbottito, nel corso di una manifestazione organizzata nell’area industriale di Ferrandina, presso lo stabilimento “Manifattura Italiana Divani”. L’affidamento della produzione a società con lavoratori di nazionalità cinese, hanno inoltre sottolineato i manifestanti, non fa che esasperare la lotta, soprattutto in un settore che è uno dei simboli della manifattura italiana. Le preoccupazioni espresse dai lavoratori hanno riguardato inoltre la precaria situazione, per una possibile ricollocazione in fabbrica, e il futuro di maestranze altamente speciualizzate. I lavoratori, per i quali la cassa integrazione scadrà nel prossimo mese di febbraio, hanno quindi invitato il mondo politico a fare la sua parte con interventi determinati, risolutivi e concreti in funzione dello sviluppo e del lavoro.

Share Button