Rapporto BankItalia, in Basilicata cala produzione ma c’è fiducia

Un clima di fiducia. È quello che si respira, secondo i dati contenuti nel rapporto sull’economia regionale della Basilicata, per il primo semestre del 2010, realizzato dalla Banca d’Italia. Nei primi sei mesi di quest’anno, fa notare Bankintalia, la produzione lucana è diminuita del 4.4 %, rispetto al 10.5 del 2009. I segnali di ripresa sono ancora lontani, come emerge dall’analisi, ma la fiducia dell’impresa lucana si riscontra in un lieve aumento delle intenzioni di investimento e nell’ipotesi di una ripresa della domanda. Il dato pubblicato da Bankitalia viene naturalmente accolto con favore dall’assessore regionale alle attività produttive, Erminio Restaino, che si spinge a definire il dato sulla fiducia, espressa dalle aziende lucane, come un elemento strutturale, cioè tendenzialmente stabile e quindi non temporaneo. Per questo motivo, ribadisce, deve essere incoraggiato, attraverso interventi a sostegno di innovazione e accesso al credito, in grado di potenziare e riposizionare il nostro sistema produttivo, a livello internazionale. Sbirciando fra i dati forniti da Bankitalia, si scopre, però, che a livello nazionale e anche al Nord, le famiglie non si sono solo indebitate ma hanno intaccato i risparmi per far fronte alla crisi, come prova la diminuzione dei depositi. Sempre preoccupante, infine, secondo le elaborazioni della Banca d’Italia, la situazione sul fronte lavoro ed occupazione, che continua a rappresentare un delicato punto di criticità anche nelle regioni del Nord.

 

Share Button