Giornata Modiale per il Risparmio, a scuola di finanza

MATERA – Creare un punto di contatto tra le banche e i comuni cittadini, a partire proprio dai ragazzi, cercando di far luce sulle tematiche della finanza e del loro ruolo nell’era della globalizzazione. Questo l’obiettivo principale, promosso dalla Banca Carime di Matera, questa mattina, presso la scuola elementare Marconi, nell’ambito della Giornata Mondiale per il Risparmio. È stato infatti proprio il risparmio, nel senso finanziario del termine, al centro del dibattito e del confronto coi ragazzi, inteso quindi come attività di famiglie e imprese di gestire e preservare, nel tempo, il proprio capitale, dal conto in banca alle azioni. La storia della moneta e del denaro, il valore sociale del risparmio e poi ancora la funzione della banca. Attraverso la proiezione di diapositive informative ed incisive, gli operatori della Carime, da sempre attenta ai fermenti culturali del territorio, alle esigenze della clientela e alla educazione finanziaria dei cittadini, hanno fornito ai ragazzi nozioni ed informazioni, anche su concetti complessi, secondo un criterio comunicativo articolato e ben rodato. Il gesto di mettere da parte piccole somme di cui possono disporre, è stato quindi evidenziato ai ragazzi, non è solo un fatto privato ma rappresenta uno degli esercizi sociali più importanti. La Repubblica Italiana, recita l’articolo 47 della Costituzione, incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme. È questo il punto di riferimento imprescindibile, attorno al quale si concentrano le giornate di incontro e di studio, con gli alunni delle scuole elementari, in occasione della 86° Giornata Mondiale per il Risparmio. Del resto è anche grazie all’importanza che gli italiani da sempre riservano al risparmio che il Paese ha potuto, per certi versi, mitigare gli effetti della crisi. Le giornate di studio, organizzate d’intesa con i rispettivi dirigenti scolastici, continueranno domani, sempre presso la scuola elementare Marconi, e poi ancora il giorno 28, presso la scuola Minozzi di via Lucana, e, infine, il 29 ottobre, presso la scuola di via Cappelluti.

Share Button