Ospedale di Tinchi, domani incontro col Sindaco di Pisticci

Continuano da più di 50 giorni le iniziative di protesta a difesa del presidio ospedaliero di Tinchi. Ormai un vero e proprio diario di bordo, scandito dalle voci, le attività e le prese di posizione di chi, senza sosta, ha continuato a lottare, dal tetto dell’ospedale, appunto, a difesa di un presidio   distrettuale importantissimo. Due mesi di protresta continua caratterizzati da dure prese di posizione nei confronti del sistema di gestione sanitario regionale, dalla lunga marcia a piedi lungo la Basentana, alla fine di luglio, per portare le ragioni della protesta direttamente nel Capoluogo, all’attenzione della massima assise regionale, e, naturalmente, dalla richiesta di mantenere intatti i servizi fin ora offerti dall’ospedale. Che, come ricordano il Comitato CittadiniAttivi di Bernalda e Metaponto e il Comitato Difesa Ospedale di Tinchi, ha servito per trent’anni un bacino di utenza oscillante fra le 50mila unità invernali e le oltre 300mila estive. Oggi però, fanno sapere i Comitati in lotta, all’orizzonte appaiono bagliori di speranza per una soluzione concorde sull’avvenire e il destino del presidio. A questo proposito, sottolineano, sarà importante ascoltare, domani, il Sindaco di Pisticci, che presenterà una proposta di soluzione del problema relativo all’ospedale di Tinchi, molto vicina alla delibera di Consiglio Comunale, consegnata alla Regione Basilicata. La lotta, ribadiscono ancora i Comitati, continuerà ma, d’ora in poi, sarà privilegiato un dialogo ancora più aperto con tutte le forze sociali e politiche, che convergono sull’opportunità di conservare e rafforzare il presidio ospedaliero di Tinchi.

 

Share Button