Matera e turismo estivo, ancora brevi i periodi di permanenza

MATERA – La città di Matera si conferma, ancora una volta, una delle mete privilegiate di chi ha deciso di trascorrere le proprie vacanze sulla costa jonica o, più in generale, in Basilicata. Il fascino esercitato dai vicoli e dalle stradine del cuore storico della città non passa inosservato e quasi tutti i turisti che abbiamo incontrato nel corso del nostro mini tour post-ferragostano hanno confermato la volontà di tornare a visitare i Sassi. Roma, Verona, Brindisi, Reggio Emilia e poi ancora Parigi e Londra: indipendentemente dal luogo di origine, tutti hanno ribadito di conoscere già da tempo il significato e l’importanza del patrimonio artistico e culturale della città, i suoi scorci e anche la varietà dei piatti della sua tradizione culinaria, spesso veicolati dall’informazione che circola in rete o semplicemente dal passa parola. Per la stragrande maggioranza dei vancanzieri intervistati, alcuni dei quali giunti a Matera in camper, la viabilità e i collegamenti non hanno costituito un problema rilevante, e, quanto allo stato di manutenzione e pulizia di strade e percorsi cittadini, quasi tutti si sono detti soddisfatti. Unica nota dolente, la brevità del periodo di soggiorno. Per nessuno di loro la permanenza a Matera durerà più di due giorni: alcuni hanno deciso di trascorrere in città solo qualche ora, il tempo di una passeggiata nei Sassi e di un pranzo consumato al ristorante, all’ombra degli antichi caseggiati, per poi fare rientro in una delle tante località costiere di Puglia e Basilicata.

 

Share Button