Sindacati preoccupati per la “Ferrosud” di Matera

I cancelli dello stabilimento "Ferrosud"

MATERA – I segretari provinciali di Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm, Evangelista, Giannella e Grieco, in una nota hanno espresso preoccupazione sulle sorti dello stabilimento “Ferrosud” di Matera-Jesce, nella cui discarica industriale, sabato scorso, si è verificato anche un incendio di natura dolosa. Il rogo per i sindacalisti rappresenta un ulteriore inquietante episodio che si aggiunge a quello risalente al 7 luglio scorso, quando è stata sospesa l’attività lavorativa nel reparto carpenteria per il sospetto della presenza di amianto in una delle carrozze in lavorazione. A tutto questo si aggiunge il ritardo di Trenitalia nel riavvio della commessa F24 che garantirebbe lavoro per i prossimi 2 anni, considerato che circa 100 lavoratori sono in cassa integrazione dallo scorso mese di maggio, ma privati di qualsiasi sostegno al reddito perché il Ministero del Lavoro non ha ancora approvato il provvedimento. “Da tutti questi elementi concomitanti”, scrivono i sindacalisti, “ricaviamo l’impressione che sia in atto un disegno che porti ad un disimpegno sul sito di Matera”, mentre desta “altrettanta preoccupazione il silenzio delle istituzioni locali e delle forze politiche sulla vicenda”. Ecco perché Evangelista, Giannella e Grieco chiedono l’intervento del Prefetto Monteleone, affinché concerti con tutti gli enti territoriale ogni utile intervento per garantire la continuità produttiva della “Ferrosud” e la salvaguardia dell’occupazione.

Share Button