Adiconsum sui parcheggi a pagamento a Matera

Matera. Convocare le associazioni dei consumatori prima di prendere qualunque decisione in merito all’affidamento della gestione dei parcheggi a pagamento. E’ quanto chiede all’amministrazione comunale di Matera l’Adiconsum, alla vigilia un nuovo percorso di affidamento dei servizi pubblici, per il quale sarebbe opportuno tenere presente quanto già fatto in precedenza e da qui ripartire per renderli efficienti e trasparenti. A questo proposito nel 2006, ben quattro anni fa, l’Adiconsum, insieme ad altre associazioni dei consumatori, sottoscrisse con la Sisas, che gestiva i parcheggi pubblici e continua a farlo in proroga, la carta dei servizi dell’automobilista, stilando anche un protocollo di intesa per la risoluzione conciliativa delle controversie sorte fra cittadini ed il gestore dei parcheggi. Purtroppo, scrive la segretaria provinciale dell’Adiconsum, Marina Festa, il bando di gara per l’affidamento della gestione dei parcheggi a pagamento, predisposto dall’amministrazione comunale di Matera, non tiene in alcun conto delle proposte e del dibattito che in questi ultimi anni si sono sviluppati intorno a un servizio che ha sempre lasciato molto a desiderare in termini di qualità e trasparenza. Nel bando, ad esempio, non figura alcun obbligo per i gestori di emanare una “Carta della qualità”, in conformità all’intesa con le associazioni, o tanto meno della consultazione delle stesse per monitorare la qualità del servizio erogato, come previsto dalla legge. Tra l’altro nello stesso documento risultano discutibili ed esose le tariffe della sosta. Ecco perchè, prima di assumere decisioni impattanti sulla comunità, sarebbe il caso di avviare un percorso condiviso che contempli, in primis, i diritti degli automobilisti e la trasparenza del servizio.

 

Share Button