Educazione e Politica per la crescita del Mezzogiorno, l’impegno dei Cristiani

Chiesa e Politica, nella celebre rappresentazione di Don Camillo e Peppone

Matera. “Educazione e Politica per la crescita del Mezzogiorno, l’impegno dei Cristiani” è stato il tema dell’incontro dibattito che si è tenuto a Matera, venerdì scorso, presso l’Aula Magna della scuola elementare Marconi. Nel corso dell’incontro, cui hanno preso parte il presidente di “Io amo l’Italia”, Magdi Cristiano Allam, il senatore del PdL, Cosimo Latronico, e Anna Ferrara, per il Partito Democratico, sono stati presi in esami i richiami della CEI contenuti nel documento “Chiesa italiana e mezzogiorno”. Nel testo, risalente allo scorso febbraio, i vescovi ribadivano la necessità, per l’intera nazione, di conservare e accrescere ciò che ha costruito nel tempo, a partire dalla consapevolezza che il bene comune è molto più della somma del bene delle singole parti. Il complesso panorama politico ed economico nazionale ed internazionale, sottolineavano ancora i vescovi nel documento della CEI, ha fatto crescere l’egoismo indivuduale e corporativo, con il rischio di tagliare fuori il Mezzogiorno dai canali della ridistribuzione delle risorse. La politica, ha ribadito Don Pierdomenico Di Candia, parroco della chiesa Maria Santissima Annunziata, rifacendosi alle parole di Paolo Sesto, è la forma più alta di carità. La Chiesa, ha invece sottolineato Allam, è realmente innovativa se rimane saldamente ancorata alle proprie radici e ai propri valori e può rappresentare un punto di riferimento importante in questo delicato momento di crisi. Se rimarrà fedele al messaggio evangelico, ha rincarato, risulterà vincente oggi, come lo è stato nel secolo scorso, sulle ideologie e, nell’ultimo decennio, sul mercatismo.

Share Button