Il “Sisma” della Riforma Gelmini secondo la FLC CGIL

Matera. “Un Sisma”. Con questa parola forte viene definito il decreto Gelmini le cui conseguenze si stanno vivendo in questi giorni dopo l’avvio dell’anno scolastico. Il personale docente ed ATA sta protestando dallo scorso 24 agosto ed oggi si è riunito in un convegno organizzato dalla FLC CGIL , Federazione Lavoratori della Conoscenza, a cui ha partecipato il segretario nazionale Domenico Pantaleo ed il responsabile nazionale del settore Scuola di Legambiente Ferdinando Pirro. Al tavolo il segretario generale regionale e provinciale, Antonio Pepe e Manuela Tartufolo, insieme a loro anche Eustachio Nicoletti, Segr. Reg. FLC CGIL. Pesa l’assenza di Antonio Autilio, assessore all’Ambiente della Regione Basilicata perché la sua presenza era indispensabile per chiarire pubblicamente la posizione della Regione Basilicata dopo la bozza d’intesa siglata con il MIUR per salvaguardare il diritto al lavoro del personale scolastico. La Regione infatti avrebbe dovuto ripristinare l’offerta formativa e dopo attivare la progettualità aggiuntiva finalizzata al suo ampliamento. Ad introdurre i lavori Manuela Tartufolo che ha definito il decreto irresponsabile e pericoloso perché mina nei fatti il diritto allo studio. A conclusione del suo discorso  ha utilizzato una frase di Don Milani “Lo scopo della scuola è chinarsi su chi ha avuto di meno per dargli di più” Nel corso del video giornale in onda domani alle 13:40 ascolteremo l’intervista al segretario nazionale Domenico Pantaleo.

Share Button