A Otranto in Puglia e Acerenza in Basilicata il progetto per le luci “green” nelle Chiese

Dal complesso di Greccio, famoso per il suo presepe, e la basilica di Anagni nel Lazio, al duomo di Colle Val d’Elsa in Toscana; da Piova’ Massaia, in Abruzzo, ad Otranto in Puglia e Roccavivara in Molise: sono alcuni dei 16 luoghi di culto italiani che a breve, si stima entro Natale, si illumineranno in modo nuovo e ‘green’ grazie al progetto “Giubileo della Luce”.

Lanciata dall’Anci e dal Ministero dell’Ambiente, l’iniziativa ha ricevuto 171 candidature da tutta Italia. Ora, nella fase operativa illustrata oggi a Roma, ci sono 66 progetti finanziabili e 16 già finanziati con le risorse a disposizione, pari a 1,6 milioni stanziati dal ministero.

L’iniziativa è rivolta a siti ed edifici religiosi dei comuni italiani sotto i 30mila abitanti attraversati da una delle antiche vie dei pellegrini come la francigena, da illuminare con luci a basso consumo energetico.

Ad aggiudicarsi il finanziamento anche Assisi, Ferentino e Ficulle in Umbria, Frassinoro in Emilia Romagna, Sessa Aurunca in Campania, Acerenza in Basilicata, Ronciglione nel Lazio, Caravaggio in Lombardia, Mendatica in Liguria, Fara San Martino in Abruzzo.

“Mi auguro che questi 16 interventi siano soltanto i primi, e che altri potranno vedere realizzate le opere per valorizzare i luoghi e al contempo investire sulle tecnologie di risparmio energetico”, ha detto il presidente dell’Anci Piero Fassino. Disponibile a reperire le risorse necessarie – “farò di tutto per mettere nuovi fondi” – il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, che ha sottolineato l’importanza di legare il patrimonio artistico all’ambiente e ha definito l’enciclica “Laudato Si'” di papa Francesco come “documento propedeutico all’accordo di Parigi”.

L’illuminazione sarà realizzata a Giubileo praticamente concluso e l’obiettivo, spiega l’Anci, è inaugurare almeno alcuni dei 16 progetti entro Natale. Le luci saranno tuttavia un intervento permanente nei comuni, volto a rendere più fruibili chiese, santuari, abbazie e monasteri.

Share Button