22 Febbraio, 2016

Vincenzo Corraro lascia la guida del Comune lucano di Viggianello

E' lo stesso ormai ex sindaco del centro in provincia di Potenza ad informare con un comunicato gli organi di stampa della decisione che anticipa le dimissioni di quattro consiglieri che "provocheranno ad ore lo scioglimento del Consiglio Comunale". Corraro (continua la lettura)

Archiviato con:         

Commissione “Lucani nel Mondo”. Per la prima volta la riunione annuale a Buenos Aires

Con l'obiettivo di "coniugare attività istituzionale, cultura ed economia per promuovere la Basilicata e rendere omaggio ad un Paese che conta il maggior numero di emigrati lucani", dal 25 febbraio si svolgerà a Buenos Aires, in Argentina - "per la (continua la lettura)

Archiviato con:             

Dati Istat sui listini dei prezzi nelle grandi città: Bari e Potenza in “deflazione”

Dieci grandi città italiane a gennaio mostrano un indice dei prezzi che oscilla tra lo zero e il segno meno. Guardando al dato annuo secondo le tabelle diffuse dall'Istat possono essere classificate in deflazione (con listini in negativo) Bari (-0,3%), (continua la lettura)

Archiviato con:                     

I Carabinieri di Taranto hanno arrestato uno stalker, perseguitava da mesi la sua ex e i familiari

L'uomo arrestato è un 30enne tarantino, pregiudicato. Da mesi perseguitava la sua ex-fidanzata, con la quale aveva interrotto la relazione sentimentale per incompatibilità caratteriali. (continua la lettura)

Archiviato con:             

Estorsione a ex assessore del Comune di Potenza, un editore lucano ai domiciliari questo articolo contiene video

La squadra mobile della questura di Potenza ha eseguito l'arresto ai domiciliari di Giuseppe Postiglione, indagato con il fratello Antonio, accusato di estorsione aggravata ai danni dell'ex assessore comunale, Salvia. Indagini in corso coordinate dalla Procura della Repubblica. (continua la lettura)

Dopo le parole di Renzi all’assemblea PD si riaccende il dibattito tesseramenti a Bisceglie

"Non è possibile che al Pd si iscrivano in blocco 400 persone con una carta di credito. Non è giusto, non è lecito, non è legittimo. Il partito non si deve scalare con le tessere ma con le idee" Queste (continua la lettura)

Archiviato con: